Martedì, Ottobre 24, 2017
Facebook MySpace Twitter Digg Delicious RSS Feed 
   
Text Size

Presentazione

Affascinato dagli eventi atmosferici fin da bambino e spinto dalla curiosità di capire effettivamente quali fossero le caratteristiche del tempo a Torino, ho iniziato nel lontano 2002 ad effettuare rilevazioni . Nato nel quartiere Millefonti le mie prime misure amatoriali le feci con un semplice termometro a mercurio installato nella zona d'ombra del balcone, il grande salto a livello puramente amatoriale lo feci una volta trasferitomi nel quartiere Regio Parco/Aurora, acquistando una Oregon Scientific WMR968. Nel 2010, grazie alla passione, decisi di acquistare una stazione meteorologica più completa, una Davis Vantage Pro 2 ventilata per gestire i dati rilevati attraverso un supporto dedicato. Il mondo informatico ed internet nel corso degli anni hanno permesso anche ad un semplice amatore come me, di mettere su un sito dedicato, e consentire ad altri meteo appassionati di leggere i dati rilevati in diretta 24 ore su 24 dalla mia stazione. E' possibile visualizzare i dati della stazione attraverso una videata in Flash, essa è generata dal software Weather Display e permette di controllare tutti i parametri meteorologici più importanti. Breve descrizione della strumentazione utilizzata negli anni di rilevazioni

Le misurazioni iniziano nel 2002; avvengono in un primo tempo con una stazione amatoriale Oregon 968. Il dato termoigrometrico non risulta particolarmente affidabile nel lasso di tempo che va dal 2002/03, poi con l'acquisto di uno schermo solare a norma WMO si è risolto questo problema. Le misurazioni pluviometriche risultano affidabili già da inizio serie. Costantemente ho confrontato i vari accumuli piovosi nel corso degli anni, essi non si discostano molto dalla vicina stazione di G. Reali e prima ancora da Buon Pastore . Nel giugno 2010 ho acquistato una stazione più performante, essa è installata sul tetto a circa20m di altezza, il sensore termico e quello igrometrico sono posti su un palo a circa 2.5m dalle tegole. Il pluviometro e l'anemometro sono lontani da ostacoli, il primo risulta esposto a tutti i venti, il secondo libero da ostacoli su 4 lati in modo da evitare delle sottostime o sovrastime per gocce di rimbalzo. I dati pluviometrici sono costantemente confrontati con un pluviometro manuale

L'isola di calore modifica in maniera determinante il clima della zona, in particolare per le temperature minime, in maniera più ridotta per le massime che spesso sono più alte in campagna aperta. Le temperature medie non si discostano molto dalla vicina installazione su manto erboso di G. Reali. Prima di installare una stazione metereologica sarebbe buona norma consultare le norme WMO(World Meteorological Organization); la seguente organizzazione formatasi nel 1873 con sede a Ginevra si occupa oltre che di clima ed ambiente, di stabilire le regole entro le quali le stazioni meterologiche devono essere installate per poter confrontare i dati da esse registrati. Qui sotto sono riportate tabelle esplicative su quanto detto:


Stazioni meteo extraurbane

Strumento

Altezza installazione

Localizzazione

Termo/igrometro

da 1.70 a 2.00 metri

Superficie erbosa obbligatoria, esposizione schermo solare a Sud, distanza da eventuali edifici, almeno 10 metri.

Pluviometro

Alla medesima altezza del sensore di temperatura/umidità.

In campo aperto, lontano almeno 10 metri da ostacoli verticali, quali edifici o alberi che ne impediscano l'accumulo della pioggia o neve sopratutto in caso di precipitazioni trasversali.
Radiazione Solare.

Oltre i 2.00 metri

Alla sommità del palo dove sarà installata la stazione meteorologica.

Anemometro

Da 2.50 a 10.00 metri di altezza.

Anch'esso in campo aperto, alla sommità del palo e comunque non oltre i 10 metri di altezza, lontano da ostacoli verticali per almeno 10 metri.

Schermatura consigliata

-

Schermo solare passivo( 5 o 8 piatti Davis ) o ventilato o capannina.

Stazioni meteo urbane

Strumento

Altezza installazione

Localizzazione

Termo/igrometro

Da 1.70 a 9.50 di altezza, ad almeno 1.50 metri da un muro o 2.00 metri dal tetto.

In caso di installazione al suolo su prato erboso con distanza minima di almeno 4 metri da ostacoli verticali, in caso di installazione su terrazzo/balcone, sporgente verso l'esterno del balcone o terrazzo, in caso di installazione su tetto ad almeno 2.00 metri dalle tegole.
Esposizione verso la zona più soleggiata.

Pluviometro

Alla medesima altezza del sensore temperatura/umidità.

L'installazione deve avvenire in un luogo lontano da ostacoli verticali per almeno 10 metri, è consigliata l'installazione su tetto in zona fortemente urbanizzate.

Radiazione solare.

10 metri.

Su tetto o terrazzo senza ostacoli verticali nelle vicinanze.

Anemometro

10 metri.

Sul tetto o terrazzo senza ostacoli verticali nelle vicinanze.

Schermatura consigliata

-

Schermo ventilato, passivo 8 piatti se l'installazione è su prato, solo per installazioni su tetto può essere utilizzato una schermatura passiva 5 piatti.

Fonte CML

Move
-

Area webcam

Top Headline

Immagine webcam

Immagine webcam

L'osservatorio amatoriale di Regio Parco dispone di due Webcam ubicate nella parte centro orientale del capoluogo piemontese con puntamento verso sud/est e verso sud/ovest. Il progetto è realizzato con fotocamera digitale Canon a520 e A70 con il supporto...

Leggi la notizia...

Progetto webcam

Progetto webcam

Questa vuole essere una piccola guida alla realizzazione del progetto webcam con fotocamera digitale Canon. Premetto che questo sistema è estremamente vantaggioso, offre un rapporto qualita/prezzo senza eguali, per pari qualità di immagine non bastano...

Leggi la notizia...

Archivio webcam

Archivio webcam

Di seguito sono rappresentati gli scatti più significativi che ho raccolto dal 2006 fino ad oggi che riproducono vari scenari a seconda della stagione. Dalle immagini si possono osservare temporali estivi particolarmente intensi, nevicate abbondanti,...

Leggi la notizia...